marzo 23, 2012

L’idea

Ciao! In questa Timeline vorrei raccontarvi tutto quello che ho dovuto affrontare per portare a termine il progetto e per arrivare al giorno dell’inaugurazione. Inoltre vi terrò aggiornati sullo stato di avanzamento dei lavori e su tutte le iniziative in corso. Aggiungo anche che mi dispiace per gli utenti internazionali ma (per il momento) questa sezione verrà scritta solo in Italiano.

Prima di tutto perchè lo faccio? Semplicemente perchè voglio condividere tutte le sfide che ho dovuto affrontare in fase di progettazione, come ho superato la burocrazia e tutti gli ostacoli che mi si sono stati posti davanti in questi mesi. Spero che possa essere utile anche per voi (soprattutto se state aprendo un b&b) o semplicemente se siete curiosi di sapere che cosa significa creare una propria attività in Italia.

Quando è nata l’idea e perchè proprio un b&b? L’idea mi è nata grazie ad un mio collega in ufficio che gestisce un b&b (e che vorrei ringraziare pubblicamente anche ora) e dalla considerazione del fatto che Trieste non è ancora sfruttata turisticamente (a conferma di questo leggete pure gli articoli pubblicati dal Corriere e da Lonely Planet). Ho scelto di fare un b&b (invece di un affittacamere ecc) perchè in Friuli Venezia Giulia è la ricezione turistica con meno tassazione sui clienti e con meno regolamentazioni (in poche parole posso aprire e chiudere quando voglio). Inoltre l’investimento iniziale non è molto elevato in quanto basta acquistare una casa e in teoria si può partire subito.

Avete la mia stessa idea e non sapete dove sbattere la testa? Per prima cosa vorrei assicurarvi che aprire un b&b non è come comprare un pacchetto di caramelle al supermercato. E’ una cosa complicata che richiede tempo, denaro, capacità imprenditoriali e soprattutto coraggio nel rischiare. Se pensate di prendere una casa e cominciare subito non avete fatto bene i vostri conti e vi ritroverete con un pugno di mosche in mano. L’approccio migliore per avviare l’attività riducendo al minimo il rischio è quello che passa attraverso la realizzazione di un BUSINESS PLAN. Eh sì…è faticoso realizzare il documento, effettuare analisi e calcolare tutti i possibili rischi ma se non volete fallire nella vostra impresa è uno strumento decisamente importante. Analizzate la vostra città (per cercare di capire dov’è la zona a più alto potenziale), i vostri competitor (per capire dove sono collocati ed eventualmente se c’è qualche zona mal gestita), i mezzi di trasporto (per evidenziare le zone meglio servite e quelle invece problematiche) e via dicendo. Analizzate, analizzate, analizzate ma ad un certo punto cercate di tirare le fila del discorso ed indicare nella mappa le zone da voi scelte. Se avrò tempo in futuro sicuramente scriverò un post per raccontare come ho redatto il mio Business Plan e che scelte ho fatto. Considerando il mio caso posso dire che ho scelto la zona della stazione perchè è facile da raggiungere con tutti i mezzi, è a due passi a piedi dal centro e da tutte le attrazioni principali ed è comunque una zona tranquilla dove riposarsi.

Avete già redatto il vostro Business Plan? Allora passate al prossimo articolo in cui spiegherò come cercare una casa che sia adatta al proprio business!

I commenti sono chiusi.